Dalla crisi rurale si esce con più diritti e cambiando il modello di produzione, distribuzione e consumo del cibo non con i trattari commerciali internazionali 
(leggi l'articolo su AltragricolturaBlog)